L’ultimo incontro fra Sandro Ruotolo, inviato di Servizio Pubblico, e Agnese Borsellino, vedova di Paolo,  è del 15 marzo scorso. Un rapporto consolidato negli anni quello fra Ruotolo e la famiglia Borsellino. E che nelle ultime settimane di vita di Agnese ha portato a nuove rivelazioni sui giorni prima della strage che uccise Borsellino il 19 luglio del 1992. A Servizio Pubblico, nella puntata andata in onda ieri sera e anticipata dalla diffusione dei video sulla detenzione in carcere del boss Bernardo Provenzano, Ruotolo ha raccontato l’ultimo colloquio con Agnese. Alcuni passaggi sono inquietanti. E a microfono spento, poi, la Borsellino che non ha voluto farsi riprendere dalle telecamere racconta che subito dopo l’attentato, l’ufficio in Procura di Paolo Borsellino fu sigillato. Ma nonostante questo, i figli Manfredi e Lucia accompagnati dai carabinieri per ritirare gli effetti personali del padre trovarono i cassetti svuotati.

[Continua la lettura dell’articolo]