Non è la prima volta che Luca Abete finisce in ospedale. Il tenace inviato in Campania di Striscia la Notizia, infatti, da anni indaga sui disservizi pubblici e talvolta è stato vittima di brutali aggressioni che hanno avuto pesanti conseguenze. Non per questo il coriaceo giornalista ha rinunciato a fare il suo lavoro.

L'ultima "tornata di botte" a fine ottobre, quando Luca Abete, imbeccato da alcune mamme della zona, si è recato a Napoli e per denunciare lo stato in cui versano gli scuolabus – non a norma – che accompagnano i bambini a casa. La situazione mostrata su Canale 5 era impressionante: non c’erano cinture di sicurezza né schienali, e i sedili erano composti da tavole di legno coperte da lenzuola.

La situazione è degenerata in pochi secondi. Il povero Luca Abete ha avuto la peggio, ed è stato costretto a sottoporsi a un delicato intervento chirurgico al ginocchio: l'operazione, per fortuna, è andata bene. E dal letto d'ospedale il giornalista si verde vestito ha inviato un messaggio ai suoi tanti fan con tanto di selfie "bendato":

"Conseguenze dell'aggressione subita durante il servizio degli scuolabus non a norma. Ho tamponato a lungo con siringhe e medicinali. Approfitterò delle feste per guarire. Grazie per i messaggi! Siete la mia forza".