L’eruzione dello Stromboli preoccupa i 40 abitanti di Ginostra, frazione raggiungibile dal mare. Il porticciolo, unica via di collegamento in grado di garantire un’eventuale evacuazione dell’abitato, versa in condizioni precarie.

I consiglieri comunali Annarita Gugliotta e Francesco Rizzo si sono fatti portavoce delle istanze dei residenti e si sono rivolti al prefetto di Messina, Carmela Librizzi.

Ecco cosa hanno scritto i due consiglieri in una lettera:

«Le recenti mareggiate  hanno ulteriormente danneggiato la struttura portuale. Inoltre vanno ripristinate le luci di segnalazione insistenti sul pontile di Ginostra, lato attracco aliscafi. Ad oggi, non è garantita l’ottimale operatività del pontile di attracco della piccola frazione, a causa sia delle luci fulminate che di ulteriori danni al grigliato del molo».

«Appare inutile sottolineare – conclude la lettera – quanto sia fondamentale per gli abitanti di Ginostra potere usufruire di un porto con funzionalità ottimale anche in considerazione dell’avviso di pre-allerta emanato dalla Protezione civile per lo Stromboli, rappresentando il molo l’unica possibile via di fuga in caso di evacuazione».

Foto Jack Maio