Ludum Manifesto 2013 - 2014Ad un anno dall'inaugurazione dl Ludum, Museo della Scienza a Catania, incontriamo Daniele Abate, Direttore Scientifico del Museo, che ci racconta come sono andati questi 12 mesi di lavoro e quali novità ci sono in programma per le scuole e le famiglie in visita.

Buongiorno Daniele, è passato già un anno dall'inaugurazione del Museo della Scienza Ludum. Qual è il bilancio in termini di accoglienza da parte del pubblico?

 

Daniele: Come per tutte le iniziative stabili che hanno a che fare con la cultura c'è stata una prima fase di grande interesse, con un numero di visitatori che non ci aspettavamo neanche noi. Adesso abbiamo un'utenza fidelizzata molto attenta, che partecipa spesso alle nostre iniziative e un tred generale in costante crescita. Proprio in questi giorni abbiamo festeggiato il nostro primo anno di apertura assieme a più di 300 persone, tra studenti e famiglie, in occasione della finale di "Ludum Science Competition" la gara di scienze per la scuola elementare e media che abbiamo lanciato lo scorso inverno. I dodici finalisti si sono sfidati a suon di esperimenti scientifici. E' stato divertente sia per loro che per noi!

 

Cosa significa investire nel mondo della Scienza? Che importanza ha la divulgazione scientifica nel nostro paese, specialmente se rivolta ai giovani?

 

Daniele: Investire in questo progetto è stata una scommessa, ancora in parte non riscossa. Investire nel Museo, in una cooperativa come la nostra (Archimede servizi, l'ente gestore), significa chiedere a tutti i soci di condividere, anche a costo di sacrifici individuali, un sogno. A tal proposito vi dico che non abbiamo mai ricevuto un centesimo di contributo pubblico. E' tutto frutto dei nostri sacrifici personali. Ma il sacrificio si fa volentieri quando si crede in un progetto che porta avanti la conoscenza perchè, a mio avviso, la conoscenza è un'arma indispensabile per affrontare la vita nel suo complesso, soprattutto per i giovani. Purtroppo qui in Italia non c'è ancora una larga diffusione della cultura scientifica. Noi stiamo provando, nel nostro piccolo, a far capire che anche bambini e ragazzi si possono avvicinare alla Scienza con molta facilità e perfino divertendosi.

 

Com'è nata l'idea di creare un Museo della Scienza a Catania?

 

Daniele: E' il sogno di una vita che si realizza. Quando abbiamo iniziato; nell'ormai lontano 1997; covava già l'idea di fare qualcosa di simile. Negli anni abbiamo organizzato diversi eventi scientifici temporanei (sia all'Orto botanico di Catania che al Palazzo della Cultura del comune di Catania) che  hanno ottenuto un ottimo riscontro da parte del pubblico, sia in termini di numeri che di entusiasmo, specialmente da parte dei visitatori più giovani. Questo ci ha dato la spinta per provare a creare qualcosa di più grande e non appena si è presentata l'occasione giusta, l'abbiamo colta al volo.

 

Pensi che il pubblico siciliano sia aperto alla cultura scientifica e, in generale,  alla cultura museale?

 

Daniele: Il pubblico siciliano, e non solo, dev'essere educato all'idea di Museo. Bisogna far capire che anche il Museo può essere un luogo accogliente e divertente, un luogo dove si fa Scienza e Cultura per tutti e non solo per gli addetti ai lavori. In poche parole: un luogo aperto. Mi piace l'idea di un genitore che invece di portare i propri figli in giro per i centri commerciali, li porta al museo. Un genitore che fa scoprire loro, già da piccoli, l'importanza del sapere.

 

Cosa offre il Museo della Scienza alle famiglie e alle scuole?

 

Daniele: La nostra offerta è molto ampia e in continua crescita. Durante questo primo anno abbiamo proposto alle scuole visite guidate al museo curate dalle nostre guide, associandole a laboratori scientifici a tema (chimica, fisica, elettricità, suono). Molte classi hanno scelto e apprezzato il nostro Science Show, uno spettacolo tra Scienza e Teatro, durante il quale gli studenti vengono coinvolti in divertenti esperimenti scientifici interattivi. Da quest'anno offriamo alle scuole anche percorsi museali integrati, in particolare uno nato in collaborazione con l'Associazione Regionale Guide Sicilia che include visita e Science Show al Ludum e un percorso guidato al centro storico di Catania tra Teatro Romano, Terme della Rotonda e Via Crociferi. Anche l'offerta per le famiglie non è da meno. Abbiamo già organizzato due mostre ("Abracadabra! La strega tra Arte, Natura e Storia" curata da Michela Ruggeri e "Scienza all'Arrembaggio!" mostra sui pirati organizzata dallo staff del Ludum) e diversi eventi e laboratori (non solo scientifici) per bambini, ospitati dalla ludoteca interna alla nostra struttura. In questo momento siamo in fase di organizzazione del Grest estivo (con laboratori scientifici ed artistici, animazione, giochi, piscina) che già l'anno scorso è andato bene e speriamo che quest'anno vada ancora meglio. I bambini si divertono davvero tanto e i genitori sono contenti perchè gli orari che offriamo sono davvero molto comodi anche per chi lavora a turni.

 

Qual è secondo te il punto di forza di Ludum?

 

Daniele: Riallacciandomi alla risposta precedente, dico che senza dubbio il nostro punto di forza è la varietà della proposta agli utenti. Chi arriva al Ludum può visitare il museo o partecipare ad un laboratorio scientifico, organizzare la propria festa di compleanno a tema scientifico nella nostra ludoteca o partecipare ad uno dei tanti eventi per ragazzi, iscrivere il proprio piccolo al nostro asilo o scegliere di lasciarlo per qualche ora al Baby parking. Ma non finisce qui. Tra poche settimane partiranno altri importanti progetti all'interno della struttura legati al mondo della disabilità. Abbiamo appena lanciato le visite guidate per non udenti supportati da un'interprete lis e tra qualche settimana daremo il via ad un ambizioso progetto, l'inaugurazione di un centro ludico riabilitativo e di sostegno alle famiglie di disabili.

 

Come si fa a prenotare una visita al museo o la partecipazione alle vostre tante attività?

 

Innanzitutto per sapere le date di tutti i nostri eventi potete seguire la nostra pagina Facebook sempre aggiornata "Ludum – Museo del Gioco Scientifico Catania" e il nostro sito web www.museodellascienza.com. Lì troverete indicate, di volta in volta, le modalità di prenotazione delle diverse attività. In generale basta chiamare il nostro ufficio al numero 095/38.25.29 e concordare il tutto con i nostri addetti alle prenotazioni.

 

Quando è possibile visitare il Museo?

 

Le scuole possono venire in visita tutti i giorni della settimana ma prenotando in anticipo la visita al nostro numero 095/382529. Le famiglie invece possono venire a trovarci ogni sabato e domenica dalle 16.30 alle 19.30. Per la gioia dei bambini (e non solo!) all'ingresso del Museo si trova un piccolo shop in cui è possibile acquistare tantissimi divertenti gadget scientifici.

 

LUDUM MUSEO DELLA SCIENZA – CATANIA