PALERMO – La richiesta è di quasi 150 anni di carcere totali. I destinatari sono 17 imputati, accusati a vario titolo di associazione mafiosa, estorsioni, favoreggiamento. Gli imputati furono arrestati nell'operazione Reset 2 che colpì il clan di Bagheria, in provincia di Palermo.

Le pene più pesanti sono state chieste per Pietro Liga e Giacinto Di Salvo: il pm Francesca Mazzocco ha chiesto 20 anni. Chiesti anche 6 anni per Andrea Fortunato Carbone e Francesco Centineo, 7 per Nicolò Eucaliptus, 6 per Silvestre Girgenti e Umberto Gagliardo, 4 per Salvatore Lauricella, Pietro Liga, 12 per Francesco Lombardo, 6 per Francesco Mineo, 8 per Gioacchino Mineo, 6 per Onofrio Morreale, 12 per Giuseppe Scaduto, 6 per Giovanni Trapani, Gioacchino Tutino, Paolo Liga e Giovanni Mezzatesta.

Nel processo si sono costituiti parte civile i comuni di Bagheria, Altavilla Milicia, Ficarazzi, Santa Flavia, il centro studi Pio La Torre, Confindustria di Palermo, Addiopizzo, Confcommercio e Confesercenti.