Ad Agrigento, la Direzione Investigativa Antimafia ha sequestrato beni per un valore di circa 550 mila euro all'imprenditore agricolo Vitale Salvatore Collura. L'uomo, di 64 anni, originario di Castronovo di Sicilia, è attualmente detenuto nella casa circondariale di Reggio Calabria per il reato di associazione mafiosa.

Il provvedimento di sequestro è stato emesso dalla Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Palermo, presieduto da Giacomo Montalbano, "Sulla base delle risultanze delle indagini bancarie e patrimoniali" condotte dalla Dia di Agrigento, in collaborazione con il procuratore aggiunto Bernardo Petralia, coordinatore del gruppo misure di prevenzione, della Dda di Palermo. Nell'operazione, sono stati sequestrati: due fabbricati, quota parte di 26 terreni, un'impresa individuale agricola e numerosi rapporti finanziari  (conti correnti bancari, buoni postali e carte di credito).

L'imprenditore Collura è stato già arrestato nel 2002 e nel 2011 è stato anche indagato nell'ambito dell'indagine antimafia "Kamarat". Il 22 maggio 2014 è stato condannato a otto anni di reclusione della corte di Assise d'appello di Palermo per associazione mafiosa.