Forte maltempo in Sicilia nelle scorse ore. Una bomba d’acqua si è abbattuta sul Catanese nel fine settimana, trasformando le strade in veri e propri fiumi. Particolarmente colpiti i territori di Palagonia, Ramacca e Mineo. L’acqua è caduta con grande violenza e gli automobilisti hanno visto i detriti staccarsi dalle colline. Quando i soccorritori sono giunti sul posto, hanno trovato quasi 50 centimetri d’acqua.

Maltempo in Sicilia, le zone colpite

Anche a Piazza Armerina l’acqua è caduta abbondantemente. Si è creato un fiume d’acqua con fango, massi e detriti, che ha invaso diversi quartieri. La pioggia è stata talmente violenta da fare crollare il muro di una casa con tre persone, che erano rimaste isolate nell’abitazione e che sono state salvate dai pompieri. Sono state fatte evacuare cinque famiglie, per precauzione.

Molte auto sono state travolte e una vettura è rimasta bloccata in un sottopasso allagato. Per fortuna, gli occupanti si sono messi in salvo. Ancora, un fulmine ha provocato un incendio in un capannone, con fiamme alte oltre 10 metri. Distrutti due mezzi.

Il maltempo in Sicilia ha fatto danni anche a Palermo. Diversi gli allagamenti, con alberi caduti per il forte vento. Le squadre dei vigili del fuoco hanno lavorato senza sosta per prestare i soccorsi. Nello Musumeci, presidente della Regione Siciliana, ha definito la situazione “drammatica” e ha convocato d’urgenza una riunione con i dirigenti dei dipartimenti interessati.