mandava sms spinti alle sue allieve

Mandava sms spinti alle sue allieve quattordicenni, e per questo è stato immediatamente sospeso dall'insegnamento. E' successo ad Arezzo, dove un docente di 60 anni è stato arrestato, e rinchiuso nel carcere della città, per stalking e possesso di materiale pedopornografico. Nello specifico, l'insegnante è accusato di aver mandato alcuni messaggi sulle chat di whatsapp e messenger, dal contenuto alquanto spinto, ad alcune sue studentesse 14enni della scuola in cui insegnava: un liceo aretino. 

Mandva sms spinti alle sue allieve quattordicenni

Secondo quanto ricostruito dal dirgente della squadra mobile, Giovanni Schettino, a lanciare l'allarme sarebbe stato un compagno di scuola delle ragazzine prese di mira dal professore, al quale le stesse, tre in tutto, avrebbero mostrato i suddetti messaggi. Così una volta ricevuta la segnalazione del giovane ragazzo, sono immediatamente scattate le indagini che hanno portato, fra le altre cose, alla perquisizione dei due computer, quello privato e quello dell scuola, usati dal docente, all'interno dei quali è stato rinvenuto del materiale pedopornografico, non riguardante però le tre giovani studentesse. 

Il contenuto dei messaggi

Per quanto riguarda invece i messaggi inviati alle ragazze, il professore le avrebbe invitate ad andare al mare con lui, o a cena fuori o ancora a mandargli delle foto, cosa cha però le 3 quattordicenni non hanno mai fatto. La polizia è riuscita a chiudere il caso in soli 3 giorni, non facendo rientare neppure il docente a scuola, visto che è stato tratto in arresto venerdì mattina prima dell'inizio delle lezioni. Le accuse per lui sono di stalking  e detenzione di materiale pedopronografico.