MARSALA (TRAPANI) – Passo significativo per l’indagine della procura relativa alla morte del piccolo Andrea Mistretta (leggi qui), deceduto dopo quattro giorni di agonia il 13 aprile 2016 all’ospedale "Villa Sofia" di Palermo per un trauma cranico con emorragia cerebrale.

Come riporta il "Giornale di Sicilia", è stato infatti notificato l’avviso conclusione indagini preliminari – atto che solitamente prelude alla richiesta di rinvio a giudizio – al noto pediatra marsalese Antonino Francesco Parrinello. Il medico, 57 anni, è chiamato a difendersi dall’accusa di omicidio colposo.

Per i genitori che lo hanno denunciato e per i consulenti tecnici della procura, il dottore avrebbe sottovalutato le conseguenze di una caduta del piccolo, che nel tardo pomeriggio del 9 aprile 2016 aveva battuto la testa al suolo mentre giocava con un pallone.