Una maxi operazione operazione coordinata a livello regionale dalla Direzione marittima di Palermo ha portato al sequestro di 1.300 chilogrammi di prodotti ittici in cattivo stato di conservazione. I controlli dei nuclei ispettivi della Guardia costiera di Palermo, Trapani, Mazara del Vallo, Porto Empedocle e Gela hanno interessato un totale di 43 venditori ambulanti, 45 pescherie, 66 ristoranti, 48 tra supermercati e centri della grande distribuzione, 24 tra grossisti e mercati ittici. A questi si sono aggiunti 67 controlli in mare e 66 presso porti e punti di sbarco.

La maxi operazione ha incluso anche controlli su strada

In seguito alle verifiche delle autorità sono stati contestati 50 illeciti amministrativi: nello specifico, a Palermo sono stati sequestrati circa 1.000 chili di baccalà e denunciati due grossisti. A Villabate, invece, sono stati sequestrati oltre 100 chili di prodotti ittici congelati con il termine minimo di conservazione superato da alcuni mesi. I controlli hanno anche interessato Lercara Friddi, Monreale, Piana degli Albanesi, Belmonte Mezzagno, Altofonte e Partinico. Sequestri anche in seguito alle verifiche su strada: la Guardia Costiera di Palermo ha intercettato oltre 100 chili di prodotti congelati e conservati all'interno di un camion, per essere venduti agli ambulanti; nel quartiere di Brancaccio, invece, sono scattate le denunce per sei ambulanti.