MAZARA DEL VALLO (TRAPANI) – A Mazara del Vallo, in provincia di Trapani, un 26enne è stato arrestato per violenza sessuale e rapina. Nella notte del 28 agosto scorso, dopo una telefonata i carabinieri sono arrivati in un appartamento dove il giovane, armato di un grosso coltello, minacciava una colombiana. Dopo esser stato disarmato, il ragazzo è stato arrestato e portato in carcere.

Secondo una prima ricostruzione, l'aggressore si era recato dalla donna in compagnia di un amico per consumare un rapporto sessuale e probabilmente senza avere denaro al seguito. Giunto sul luogo, la donna, che già conosceva il giovane come violento per esperienze passate, lo ha respinto sin da subito. Tuttavia, la donna gli ha consentito di entrare nell'appartamento, lasciando però fuori l'amico. Da qui, sarebbe nata un'accesa lite, perché il 26enne pretendeva che la donna consumasse un rapporto sessuale anche col suo amico.

Il 26enne a quel punto ha spinto la donna per terra e ha cominciato a colpirla al volto. Le urla hanno svegliato la coinquilina equadoregna della donna, che, capita la situazione di pericolo, è fuggita a piedi chiedendo aiuto. Nel frattempo, il giovane, ormai determinato a ottenere il rapporto sessuale, impugnando un coltello ha iniziato a minacciare la donna di morte e costringendola ad assecondare le sue richieste. Dopo averla violentata, il ragazzo avrebbe continuato a minacciarla per farsi consegnare tutto il denaro in suo possesso.

A quel punto sono sopraggiunti i carabinieri che hanno disarmato e arrestato il giovane, riconsegnando il denaro alla proprietaria. Ieri mattina il 26enne è stato sottoposto all'interrogatorio di garanzia in carcere, dove è stato rinchiuso subito dopo l'arresto.