Meningite a Palermo, aggiornamenti sulle condizioni di Noemi F., la ventenne originaria di Porto Empedocle ricoverata nella seconda anestesia e rianimazione dell'ospedale Civico di Palermo. Le sue condizioni sono molto gravi, ma sono stabili e la giovane è ancora in pericolo di vita. Respira attraverso le macchine. Noemi era arrivata al pronto soccorso nella giornata di giovedì scorso: accusava febbre alta, forte mal di testa e rigidità corporea. Dopo i primi aggiornamenti, accertata la malattia, è stata sottoposta a trattamento antibiotico.

«È importante tenere presente che la valutazione neurologica della ragazza è quella di una paziente con la quale non si può entrare in contatto a causa dei sedativi», spiegano i medici che l'hanno in cura: «Questo potrebbe volere dire che i danni già causati dal batterio prima dell'avvio della terapia antibiotica potrebbero non essere reversibili. Potrebbero». Due casi di meningite in tre settimane hanno preoccupato non poco i cittadini del capoluogo: non si può parlare di mini-epidemia, ma non si deve neanche sottovalutare la situazione. È importante non condividere bicchieri o stoviglie, né fazzoletti.