MESSINA – Beve un bicchiere d'acqua e rischia di morire. Una bottiglia d'acqua acquistata in un supermercato della zona nord della città, infatti, ha causato seri problemi di salute a una 18enne messinese, che è stata ricoverata alcuni giorni all'ospedale Papardo. "Erosione gastrica ed esofagite da ingestione accidentale di candeggina": questa la preoccupante diagnosi dei sanitari.

Dopo avere bevuto un bicchiere d'acqua di getto, la ragazza ha subito sentito uno strano sapore e ha avvisato il padre. Successivamente la giovane ha accusato forti bruciori allo stomaco ed è stata accompagnata dal padre in ospedale per le cure del caso.

Dopo le dimissioni, la denuncia della famiglia ai carabinieri della stazione di Giostra che hanno avviato le indagini per comprendere se la candeggina sia stata introdotta per errore al momento dell'imbottigliamento o per altra causa e se altre bottiglie della stessa marca potrebbero contenere la stessa sostanza.