0101

Continuano le indagini sull’incidente che ha portato la morte diProvvidenza Grassi.

Nella giornata di ieri la magistratura ha disposto la chiusura e il sequestro di una via di campagna che porta a pochi metri dall’imbocco della galleria al margine della quale sarebbe precipitata la Fiat Seicento della giovane messinese. Lungo la stradina, cui si accede dalla strada che conduce da Bordonaro a Camaro, sono state rinvenute le carcasse di altre automobili. Gli investigatori potrebbero, quindi, stare vagliando l’ipotesi che l’automobile non sia precipitata dal viadotto, ma da questa stradina.

La vicenda ha ormai assunto i contorni di un vero e proprio giallo, e un ulteriore elemento che infittisce il mistero è l’ultima chiamata partita dal cellulare della giovane, che sarebbe stata compiuta intorno alle 13,00 dell’11 luglio scorso, ore dopo la scomparsa della ragazza nella notte tra il 10 e l’11 luglio. La telefonata era diretta al numero di casa e non avrebbe ricevuto risposta.

Stretto Web