"La magistratura ha dissequestrato il corpicino del piccolo Moise, il bimbo di poco più di 2 anni deceduto l’8 luglio scorso al Policlinico di Messina, dopo una breve esistenza contrassegnata da malattia e traversie burocratiche, che dalla nascita lo hanno inchiodato in un letto ospedaliero in attesa di un trasferimento disposto dal Tribunale per i minorenni di Reggio Calabria presso una casa-famiglia di Cagliari, in realtà mai avvenuto". È quanto affermato dal sociologo Antonio Marziale, garante per l’Infanzia e l’adolescenza della Regione Calabria, che ha seguito il caso portandolo alla ribalta con ripetuti appelli alle istituzioni.

Marziale spiega: "La Procura della Repubblica della città peloritana, in accoglimento delle istanze presentate dagli avvocati della famiglia di Moise, ha ritenuto di dover disporre l’autopsia sul bambino deceduto e venerdì prossimo, 7 settembre, a due mesi dal decesso, avranno luogo i funerali previsti per le ore 17 nella Parrocchia di Santa Maria del Pozzo ad Ardore Marina. Collateralmente agli accertamenti medico-legali, il mio ufficio certamente collaborerà con gli organi inquirenti perché si faccia piena luce sui ritardi che hanno portato al mancato trasferimento del piccolino in un luogo che gli avrebbe garantito una qualità migliore di esistenza e soprattutto di poter godere di una luce mai vista, quella del sole".