MESSINA – Senza casa da tempo, fa irruzione in Municipio armato di bastone e va a cercare il sindaco chiedendo spiegazioni. Momenti di paura al Comune di Messina: un uomo, dell'età di 30 anni, armato di bastone, si è introdotto in diverse stanze, alla ricerca del primo cittadino, Renato Accorinti.

A partire dall'anticamera del sindaco, il trentenne ha aperto a calci tutte le porte incontrate, quindi ha colpito con un bastone mobili e tavoli, riempiendo di insulti e maledizioni il primo cittadino per una casa che non gli era stata concessa. Il tutto è avvenuto sotto gli occhi stupiti delle persone presenti a palazzo Zanca: è stata una vigilessa, aiutata da altre persone, a bloccare e disarmare l'uomo, di Altolia, già noto in Municipio. Da tempo chiede un alloggio, dopo aver perso il suo nell'alluvione del 2009.