Minaccia di morte la moglie che voleva lasciarlo dopo anni di abusi e violenze. È una storia a tratti inanerribile quella avvenuta a Milazzo, in provincia di Messina. Negli ultimi tre anni, il "mostro" aveva reso la vita della moglie e del figlio minore un vero e proprio inferno.

A raccogliere la raccapricciante testimonianza della donna sono stati gli agenti del commissariato di pubblica sicurezza cittadino. La vittima delle angherie era terrorizzata perché voleva allontanarsi dal marito, che da par suo invece non voleva saperne.

Tutto è andato avanti fino ai primi giorni di novembre, quando la donna, raggiunto il livello di saturazione, ha deciso di denunciare il marito. L'uomo ne aveva fatte di tutti i colori, come quando colpì la moglie con una cinghia davanti al figlio e ai suoceri, o anche in altre circostanze in presenza dei vicini che cercavano di porre un freno all'incredibile ondata di violenze.

Sull'uomo, adesso, verte la misura cautelare dell'allontanamento da casa familiare e il divieto di avvicinamento alla consorte, che non potrà essere contattata in nessuna maniera.