Raggirano e minacciano un disabile per derubarlo: arrestati a Enna, con l'accusa di circonvenzione di incapace e tentata estorsione, Giuseppe Di Dio (38 anni) e Salvatore Cammalleri (52 anni). I due, insieme a un amico comune, sono riusciti ad avvicinare un cittadino ennese, disabile, di 52 anni e lo hannop indotto ad aprire una ditta individuale, attraverso la quale gli hanno fatto acquistare numerosi telefoni e talblet, per un valore di oltre 6 mila euro, di cui gli indagati si sono appropriati.

Gli autori del raggiro, inoltre, hanno costretto la vittima a chiedere e ottenere da una banca un prestito di 10 mila euro, soldi che poi hanno incassato loro. È stato proprio il 52enne a denunciare l'accaduto e sono subito state avviate le indagini. I finanzieri hanno accertato i comportamenti intimidatori ed estorisivi dei due: “ […] dove ti trovo ti trovo ti faccio fuori, ti scanno, ti prendo il cuore e me lo mangio […] perché se non li paghi ti giuro che ti scippo la testa, dove sei sei, e me ne sto andando fino dai tuoi fratelli e i primi schiaffi li prendono i tuoi fratelli”. La vittima si era anche barricata in casa.