Il regista siciliano Giuseppe Tornatore è stato ospite di Fabio Fazio e ha commentato le accuse di molestie a lui rivolte da Miriana Trevisan alcune settimane fa. "Ho la coscienza a posto", ha detto. Aggiungendo: "Scopri un giorno di essere un uomo che non sei, un mostro, un violentatore, parole pesantissime". "Questo incidente non mi ha ingenerato particolari amarezze o sofferenze. Stupore sì".

Il regista ha puntato il dito soprattutto verso il modo in cui la vicenda è stata trattata da alcuni media: "Questa esperienza – ha detto Giuseppe Tornatore – mi ha fatto vivere in una dimensione che non conoscevo. Una mattina ti svegli, apri il giornale o il computer e scopri di essere un mostro, un molestatore, un violentatore. Poi siccome si fa un uso abbastanza sciolto delle parole, diventi uno stupratore".

"E scopri tutto questo grazie a certi metodi di certi organi di stampa, non tutti fortunatamente, che non seguono delle regole ortodosse. Perché scrivono che sei un assassino senza ricorrere al contraddittorio, poi tu ti difenderai, se vorrai come vorrai, ma intanto il danno è fatto. Questo è un sistema veramente mostruoso ed è inaccettabile".