250080_10150282193049505_7132597_nChe il siciliano  abbia a suo tempo  ricevuto una generosa eredità dal francese, è cosa sicura ed assodata. 
A questo proposito abbiamo  già esaminato i vocaboli che evidenziano loro discendenza dalla lingua d’oltralpe (http://www.facebook.com/photo.php?fbid=10150282193124505&set=a.10150282193014505.374385.69794584504&type=1 ),
Ma il legame tra le due lingue non sta solo in questo, bensì in tutto un insieme di particolarità che le collegano.
Una cosa tipica, per esempio, sono i nomi propri tronchi( con l’accento tonico sull’ultima lettera) così cari ai francesi e così frequenti in siciliano.
Gli antichi siciliani, infatti amavano spesso “abbellire” i nomi propri riducendoli ad un bisillabo tronco : Mimì, Totò, Nenè…etc.
Altre volte, invece, specie nel discorso diretto, avevano l’abitudine di eliminare l’ultima sillaba dei nomi, sostituendola con un accento sulla penultima : es.Ti salutu,  Giuvannì (invece che Giuvanninu) o: Mariù  comu si? =  Mariuzza come stai?
Ricordo la signora che abitava nei nostri pianterreni, e, ad ora di pranzo, chiamava le sue cinque figlie costantemente vaganti per la strada: “ Trisinè” ( Teresina), “Ninnì”(Annina), “Pinù”(Giuseppina) etc etc etc…
 
Simili abitudini linguistiche in Italia trovano riscontro solo in Campania (ricordiamo ad esempio la nota canzone napoletana “ Catarì” o il nome del grande “Totò): ovviamente si tratta di un’affinità che fonda le sue radici ai tempi del Regno delle due Sicilie.
 
Nel siciliano di oggi , i  nomi bisillabi tronchi sono pressoché scomparsi o si riferiscono solo a persone anziane, o qualche giovanissimo li usa per essere originale.
L’ abitudine di troncare i nomi nel discorso diretto, invece, continua spesso a  caratterizzare la parlata familiare di alcune zone della nostra isola.
 
Ecco ora un elenco di nomi bisillabi tronchi :
 
-Alfonsa/o = Fofò
 
-Antonia = Ntontò
 
-Antonio/Salvatore =  Totò
 
-Antonina/o = Nenè, Ninì
 
-Annunziata = Nunù
 
-Calogera= Lillì
 
-Calogero = Calò
 
-Carmela = Memè
 
-Caterina = Titì
 
-Domenica/o = Mimì
 
-Filippa/o = Fifì
 
-Francesca/o = Cicì
 
-Gerlanda/o, Giovanna/i = Giugiù
 
-Giuseppe= Pepè
 
-Innoccenza/o = Nenè
 
-Leonardo = Nanà
 
-Lorenzo = Lollò
 
-Nicola, Nicolò = Cocò
 
-Onofria = Nonò
 
-Rosa = Rorò
 
-Rosario/a = Sasà
 
-Stanislao = Stanì
 
-Vincenza/o = Cecè, Vicè
 
Ed ecco invece come noi siciliani di alcune zone ci rivolgiamo ad amici e parenti:
 
-Alfonsa = Affunsì
 
-Alfonso = Affò
 
-Amedeo = Amaddì
 
-Angela/o: Angilì, Ngilì
 
-Anna = Anninè, Ninnì
 
-Antonia = Ntuniè
 
-Antonio = , Nto
 
-Annunziata = Nunziatè, Nunziatì
 
-Baldassare = Badassà, Ballassà
 
-Calogera/o = Caliddrù
 
-Carmela = Carminì
 
-Carmelo = Carmè
 
-Castrense = Cristè
 
-Caterina = Catarì
 
-Concetta = Cuncè, Cuncittì
 
-Croce, Crocifissa = Crucì
 
-Domenica = Mi
 
-Domenico = Nnumì, Minicù,Mi 
 
-Eleonora = Nurù
 
-Filippa = Fulippì
 
-Filippo = Fulì
 
-Francesca = Franciscù, Cicinè, Franchinè
 
-Francesco = Francì, Ci, Fra
 
 
-Gaspare = Gaspà, Asparì
 
-Gerlanda/o = Giurlà, Giù
 
-Gioacchino = Jachì
 
-Giovanna/i = Giuvannì
 
-Girolama = Mummì
 
-Girolamo = Gilò
 
-Giuseppa = Pippì
 
-Giuseppe = Gisè, Pe, Pippì
 
-Innoccenza = Nnuccè
 
-Innoccenzo = Nnuccè, Cce
 
-Leonarda = Nardì
 
-Leonardo = Lunà, Na
 
-Lorenzo = Lorè
 
-Maria = Marì
 
-Mario = Mariù
 
-Pasquale = Pasquà
 
-Pasqualina = Paschì
 
-Pietra = Pitrì
 
-Pietro = Pe, Pitrì
 
-Rosa = Ro, Rusì
 
-Rosalia = Rusalì
 
-Rosaria/o = Sarì
 
-Salvatore = Sarbatù, Turì
 
-Stanislao = Stanzillà
 
-Vincenza/o = Vicè, Vicinzì