La provincia canadese della Nova Scotia, affacciata sull'oceano Atlantico, ha revocato al signor Lorne Grabher la possibilità di utilizzare una targa personalizzata con il proprio nome di famiglia, così come previsto dal programma a pagamento "personalized plate" varato nel 1989. La notizia, di cui parlano tutti giornali canadesi, riferisce di un provvedimento preso d'urgenza dopo le proteste di automobiliste indignate.

Perché? Sulla targa c'è scritto "Grab her", letteralmente "Prendila", un "invito" per certi versi maschilista. Per il momento sono servite a poco le spiegazioni fornite dallo stesso dipartimento dei Trasporti della Nova Scotia: "Sappiamo che il cognome Grabher ha origini tedesche e non ha nulla a che fare con questo tipo di linguaggio", ha dichiarato il portavoce Brian Taylor. Tuttavia il dipartimento non ha potuto esimersi dall'applicare la norma, la quale stabilisce che non possano essere utilizzati nomi o frasi "di cattivo gusto, offensivi e socialmente non accettabili".