Novità per il canone Rai in arrivo. Come riportato da Il Sole 24 Ore, che parla di fondate indiscrezioni, al ministero dello Sviluppo Economico il sottosegretario con delega alle Comunicazioni Antonello Giacomelli ed il suo staff stanno lavorando al decreto sulla tanto odiata tassa sul possesso dell'apparecchio televisivo, il quale conterrà anche norme sui finanziamenti alle tv locali.

Stando ai rumors riportati dalla stampa nazionale, dovrebbe sparire il bollettino individuale per il pagamento e verrebbe creato un meccanismo legato ai consumi delle famiglie italiane, riducendo l'importo da pagare. Le novità per il canone Rai nascono dalla necessità di combattere l'evasione, che è stimata intorno al 27% delle unità familiari: in questo modo, si pagherebbe una tassa modellata su reddito e consumi, ma prima di poter parlare di reali cambiamenti è necessario che la riforma venga approvata.

E' stato calcolato che l'importo massimo da pagare sarebbe in questo modo di circa 60 euro, partendo da un minimo di 35 euro e si stima un introito di 2 miliardi per il finanziamento del servizio pubblico. Nonostante non sia ancora stato precisato come si procederebbe nel reperire le risorse, parte di esse potrebbe arrivare dai proventi dei Giochi, Lotteria Italia inclusa.