Il caso delle offese ai siciliani in Rai dà ora l'occasione di riscattarsi. Quanto meno di dire la propria. Domani, sabato 23 gennaio, dalle ore 11.00 si terrà il presidio di protesta organizzato da Sicilia Nazione, Mis e Fronte nazionale siciliano davanti alla sede Rai di Palermo in viale Strasburgo 19.

Alla manifestazione hanno già aderito il Partito del Popolo Siciliano, Terra e Liberazione, CambiAmo la Sicilia, Siciliae Mundi, Movimento Nuovo Senso Civico e Comitato Autodeterminazione Sicilia Stato, oltre ai parlamentari regionali Vincenzo Figuccia e Cataldo Fiorenza. Gli organizzatori dichiarano:

"Chiediamo che la Rai si scusi e riconosca l’errore criticando in modo chiaro quanto dichiarato dal giornalista Panella nel corso della trasmissione UnoMattina in famiglia. Non si tratta di una semplice questione di principio, bensì di contrastare un pregiudizio insensato che purtroppo si manifesta in più occasioni. Tutelare la dignità e l’immagine della Sicilia spetta a tutti noi in assenza di un intervento del Presidente della Regione, che purtroppo si dedica ad altro".

I movimenti aderenti al presidio hanno inoltre annunciato che costituiranno un Comitato permanente di monitoraggio delle attività della Rai in Sicilia.