uomo al volante

Indisciplinati e distratti, questo è il risultato di un recente sondaggio condotto da Direct Line sugli automobilisti siciliani.

Il fatto che il capoluogo siciliano fosse una vera e propria giungla per gli automobilisti era noto a tutti, ma a quanto pare, i palermitani, sembrano non avere la più pallida idea dei comportamenti ritenuti più pericolosi e quindi da evitare.  

L’86% del campione palermitano intervistato da Direct Line ha confessato di avere l’abitudine di mettersi al volante dopo aver bevuto “un bicchiere di troppo”. In seconda posizione troviamo quelli che usano il cellulare senza auricolare distogliendo lo sguardo dalla strada (76%).  In terza posizione, ma non meno diffusa, troviamo l’abitudine di mandare sms mentre si guida (75%), con la stessa percentuale ci sono gli automobilisti che operano i sorpassi alla cieca, senza avere la completa visuale della strada.  Per chiudere in bellezza ci sono i cosiddetti “automobilisti appiccicosi” che non rispettano le distanze di sicurezza (66%).

Ecco il bel quadretto che riassume la condotta degli automobilisti a Palermo; tuttavia, giusto per non fare di tutta l’erba un fascio, rimane un 31% che afferma di essere attento e scrupoloso e rispettoso del codice della strada!