PALERMO. L'iniziativa di solidarietà è rivolta ai grandi per aiutare i bambini del rione Ballarò.

Torna l'appuntamento con la tradizione gastronomica della Sicilia, protagoniosti indiscusse sono le arancine e la cuccìa. Così dal 7 al 13 dicembre le due reginette della festa di Santa Lucia diventano anche lo strumento di una campagna sociale a favore dell'istruzione dei bambini dei centri sociali Oratorio Santa Chiara, San Giovanni decollato e Biblioteca delle Balate Durante.

I fondi verranno utilizzati per l'acquisto di libri destinati ai bambini delle famiglie di Ballarò, il quartiere di Palermo dove molte comunità di immigrati hanno stabilito la propria dimora.

COME CONTRIBUIRE?

Per mangiare le arancine e la cuccìa e fare anche del bene ai bambini, basta acquistare i prodotti di "il Caffè del Gusto di Peppe Giuffrè a Palazzo Riso, é cotta di piazza Castelnuovo e viale Piemonte e sabato 12 e domenica 13 presso la Biblioteca delle Balate dove donne di varia nazionalità si uniranno per la festa di Santa Lucia"

L'idea reca la firma della giornalista Amelia Bucalo Triglia che, grazie alla collaborazione del comitato Ballarò significa Palermo ed Ars Nova, lo chef Peppe Giuffrè, quattro food blogger palermitane, donne immigrate di varie nazionalità ed un paio di aziende del settore ristorazione portano avanti il sogno di una educazione per i bambini più disagiati.