PALERMO – Per sfuggire all'arresto si era fatto crescere la barba e i capelli, lui che era più o meno completamente glabro sul volto e in testa. Il suo tentativo, però, è naufragato miseramente: i carabinieri lo hanno bloccato dopo un inseguimento. Ricercato da mesi per due sentenze definitive con condanna a 12 anni per rapina aggravata e bancarotta fraudolenta, il 51enne Carmelo Vinci è stato beccato individuato dalle parti della stazione centrale di Palermo.

I militari lo hanno riconosciuto "in barba" (scusando il gioco di parole…) al volto camuffato. Rra a bordo di uno scooter con documenti falsi. Vinci ha opposto resistenza e ha dato vita a un breve inseguimento per le vie del centro, poi ha anche dichiarato di avere una bomba addosso, minacciando di farsi esplodere. Era pronto per lasciare la Sicilia, ma per lui si sono aperte le porte del carcere.