PALERMO – Aggrediti a colpi di spranga e cacciavite per aver chiesto di spegnere una sigaretta: si indaga a Palermo sul pestaggio del titolare e di due camerieri del bar "New bus", aggrediti da due romeni. Filippo Guardì, il titolare, è stato trovato in un lago di sangue. Questa la ricostruzione dei fatti: il barista ha ripreso un romeno, entrato con la sigaretta accesa nel locale che si trova all'angolo tra via Paolo Balsamo e via Di Gregorio, nei pressi della stazione centrale di Palermo.

Il cliente ha reagito e tra i due ci sarebbe stato un diverbio, con qualche spintone. Sembrava che tutto fosse finito, ma dopo circa dieci minuti sono arrivate davanti al bar due auto, dalle quali sono scesi altri due uomini, che hanno affrontato il titolare e due camerieri, aggredendoli con una spranga ed un grosso cacciavite.

Gli aggressori hanno preso di mira soprattutto Filippo Guardì, ricoverato all'ospedale Policlinico; gli altri due camerieri sono invece stati trasportati al Civico. I romeni sono fuggiti a bordo di un'auto: gli agenti hanno raccolto le dichiarazioni di quanti hanno assistito all'episodio e stanno visionando le immagini del sistema di videosorveglianza installato davanti al bar.