PALERMO – Calci e pugni dopo un banale incidente stradale. Per questo sono stati rinviati a giudizio Giuseppe Ventimiglia e Hossine Ben Hoj, accusati di aver pestato un giovane mauriziano. I fatti risalgono al 2013: all'altezza di Porta Carini, nel cuore di Palermo, si scontrano l'auto dei due aggressori e lo scooter della vittima. Di lì a poco partono le minacce, poi le botte.

Stando alla versione del mauriziano, però, non finì lì: uno dei due imputati prende una sedia da un vicino negozio di mobili e la scaglia con forza contro di lui, fratturandogli un braccio. La vittima, che dovette sottoporsi a un intervento chirurgico, denunciò. L'inchiesta è culminata oggi nel rinvio a giudizio. Il processo si terrà il prossimo 21 febbraio.