PALERMO – Il gastroenterologo Antonino Trizzino è stato condannato a 5 anni per "violenza sessuale nei confronti di una paziente". È quanto stabilito con sentenza definitiva dalla Cassazione, che ha confermato la condanna già inflitta al medico sia dal tribunale che dalla Corte d’Appello. Trizzino, dunque, dovrà andare in carcere. 

I fatti risalgono al 2010. La giovane paziente soffriva di forti dolori addominali e il medico curante le aveva prescritto un esame e una visita. Dopo un'ecografia all'addome, lo specialista ha eseguito l'ecografia. Poi avrebbe chiesto alla donna se soffrisse di altri disturbi e a quel punto il medico le avrebbe fatto anche una visita vaginale e rettale, palpeggiandola dunque nelle parti intime. Poi la denuncia.

Trizzino ha sempre respinto le accuse della paziente. "Dal racconto della paziente erano emersi anche problemi di emorroidi, ecco il perché di quell'approfondimento", aveva sostenuto la difesa del medico. Ma la visita ulteriore non è stata segnata nel referto. E su questo ha fatto leva l'accusa. E quindi per questa ulteriore visita, il medico è stato denunciato dalla giovane.