PALERMO – Per bloccare il 26enne Giovanni Di Martino, i poliziotti hanno dovuto usare lo spray al peperoncino. Il giovane era stato fermato da poco nel bar Sampolo di Palermo; durante il tragitto verso la caserma Lungaro ha rotto con i piedi il vetro del finestrino della volante e ha cercato di fuggire. Alla fine tutti hanno dovuto ricorrere alle cure dei sanitari del 118.

Alcuni clienti avevano chiesto l'intervento della polizia perché il giovane pare avesse in mano una pistola con la quale minacciava delle persone. Nel corso del controllo Di Martino ha iniziato a urlare e inveire contro i poliziotti: li ha minacciati di morte e ha iniziato a colpirli con calci, pugni e morsi, come racconta nel dettaglio "BlogSicilia".