Momenti di tensione a Palermo per lo sgombero di un edificio in via Pasquale Calvi, occupato abusivamente da mesi: nella mattina del 29 ottobre, infatti, sono intervenute le pattuglie della polizia per liberare i locali. Sono circa sessanta gli occupanti, ci sono molti bambini e uno degli inquilini ha anche minacciato il suicidio, chiedendo di parlare con il sindaco Leoluca Orlando.

Lo sgombero arriva dopo mesi di occupazione

Lo sgombero è l'ultimo capitolo di una lotta tra gli occupanti che non vogliono abbandonare le abitazioni e le forze dell'ordine. Intanto la polizia ha transennato la strada, con conseguenti ripercussioni sulla viabilità della zona, mentre alcune donne si sono barricate ai piani alti. Lo stabile, al numero civico 11, è rimasto in stato di abbandono per più di vent'anni, ed è stato occupato lo scorso giugno.