20120828_ambulanza_118Migliora, ma resta in prognosi riservata il piccolo Francesco, 6 anni, coinvolto ieri pomeriggio nell’incidente stradale sull’autostrada Palermo-Mazara, all’altezza dello svincolo per l’aeroporto Falcone-Borsellino. Nel tragico impatto e’ morto il fratellino Giovanni, che avrebbe compiuto 2 anni a gennaio, mentre ha riportato una frattura e non e’ grave la nonna di 59 anni, alla guida della Fiat Panda. Francesco ieri, dopo le prime cure all’ospedale “Cervello”, era stato ricoverato alla Neurorianimazione di “Villa Sofia”, avendo riportato un forte trauma cranico. Era stato sedato e stamane e’ stato staccato dai tubi e respira autonomamente. Questo lascia supporre che il bimbo non sia piu’ in pericolo di vita, sebbene sia monitorato costantemente dai medici secondo cui non avrebbe lesioni interne; per questo non sono previsti al momento interventi chirurgici. Al suo fianco il papa’ Michele di 37 anni, impiegato di una nota enoteca palermitana, e la mamma 32enne Alessandra, parrucchiera, ancora sotto choc per la morte del piu’ piccolo dei loro figli. L’auto si e’ schiantata contro il guard-rail: un impatto tremendo che ha accartocciato la parte anteriore del mezzo e ucciso Giovanni a seguito dello sfondamento del cranio.

Ilaria Calabrò