Tra la fine degli anni ’70 e i primi anni ’80 del secolo scorso qualcuno inventò la marca di jeans “Mafia”. Giustamente, scoppiò un putiferio. Oggi, invece, sembra del tutto normale associare i nomi di boss mafiosi del calibro di Don Masino Buscetta e i Greco ai nomi di Giovanni Falcone e Peppino Impastato nel nome della gastronomia. Non succede in Italia. Non siamo in un paese della vecchia Sicilia dominato dall’ ‘Onorata società’. Questo avviene nella civilissima Vienna austro-ungarica. La denuncia, per certi versi incredibile, arriva da Radio Cento passi.

[Continua la lettura dell’articolo]