Papa Francesco apre al diaconato femminile. Bergoglio ha annunciato che istituirà presto una Commissione per studiare il ruolo delle diaconesse nella Chiesa primitiva che sono "una possibilità per oggi". Per la prima volta nella storia della Chiesa si aprirebbero così le porte del clero anche alle donne. Il diaconato, infatti, è il primo grado dell’ordine sacro, seguito dal sacerdozio e dall’episcopato. E i diaconi possono amministrare alcuni sacramenti tra i quali il battesimo e il matrimonio. Una scelta, quella di Francesco, che avvicinerebbe la Chiesa cattolica a quella anglicana, dove ci sono già donne preti e vescovi.

Bergoglio ha raccontato di aver già affrontato la questione una volta qualche anno fa con un "buon saggio professore" che aveva studiato il ruolo delle donne diacono nei primi secoli della Chiesa. Ma Francesco ha precisato che ancora oggi non è storicamente chiaro quali compiti esse avessero all’inizio del cristianesimo. Rispondendo di volta in volta alle sei domande che gli sono state rivolte da alcune religiose, Francesco ha affermato che "la Chiesa ha bisogno che ulteriori donne entrino nel processo decisionale. Anche che possano guidare un ufficio in Vaticano. La Chiesa deve coinvolgere consacrate e laiche nella consultazione, ma anche nelle decisioni perché ha bisogno del loro punto di vista. E questo crescente ruolo delle donne nella Chiesa non è femminismo, ma un diritto di tutti i battezzati: maschi e femmine".