Anche il Tg1 ha raccontato la storia di Ettore Consonni, il paziente di 61 anni trasportato da Bergamo a Palermo, dove è guarito dal Coronavirus.

È stato trasferito dalla Lombardia nei giorni dell’emergenza. “Sono arrivato che ero morto, pensavo di non svegliarmi”, racconta il 61enne al Tg1. Nei giorni più duri dell’emergenza Coronavirus è partita la ricerca disperata di un posto in terapia intensiva per lui. Lo hanno messo su un aereo militare e trasportato a Palermo, all’ospedale Civico. È guarito 23 giorni dopo. “Pregavo, piangevo e pensavo alla mia famiglia. Il ricordo mi dava la forza di combattere”.

Roberto Colletti, direttore generalre dell’Ospedale Civico di Palermo, ha spiegato davanti alle telecamere: “Abbiamo ricevuto molte volte negli anni passati e restituiamo”.

Ettore ha ringraziato più volte il personale sanitario che l’ha assistito. Si tatuerà il suo grazie alla Sicilia sul petto. La sua è una bella storia, una di quelle che vorremmo leggere più spesso, in questi giorni difficili.

Articoli correlati