È tutto pronto a Petralia Soprana per la settima edizione di “A Pistata da Racina“. La manifestazione rievoca la pigiatura dell’uva. Appuntamento sabato 13 ottobre 2018, con l’evento più unica che rara a livello regionale.

Obiettivo della Sagra è quello di poter rivivere l’atmosfera festosa di un tempo, con contadini in abiti tradizionali. Allora tutti partecipavano attivamente alla vendemmia e alla pigiatura dell’uva con i piedi, improvvisando suoni e balli, rendendo meno faticoso il lavoro svolto senza i moderni mezzi di adesso.

Pistata da Racina, il programma

Saranno presenti stand sulla tradizione enogastonomica regionale e si svolgerà una lezione sulla degustazione di alcuni vini siciliani tenuta da un enologo esperto. L’appuntamento prenderà il via alle ore 16,00 da Piazza del Popolo con i carretti carichi di uva accompagnati da musicisti e la sfilata di personaggi in costume che si dirigeranno verso  piazza Duomo.

Qui avverrà la rievocazione dell’antica pigiatura dell’uva che sarà eseguita da bambini e adulti. Per l’occasione sarà possibile degustare il mosto e tanti piatti tipici realizzati in loco. Non mancheranno i canti e i balli che saranno eseguiti dal gruppo “Auser” di Polizzi Generosa.

Lungo le vie i visitatori potranno leggere delle citazioni poetiche che impreziosiranno l’evento che è organizzato dalla ProLoco, dagli Stendardieri e Cittadinanza Attiva con la collaborazione di Nicola Iuppa e tanti altri cittadini.

Petralia Soprana sorge a 1147 m. sul livello del mare è il più alto comune della provincia di Palermo e domina un ampio paesaggio che spazia dalle cime innevate dell’Etna, alla città di Enna e ai monti del palermitano e poi le ampie vallate e i corsi d’acqua delle campagne che la circondano. E’ intensa la suggestione che suscita la vista dall’altopiano di Petralia, nei giorni in cui le nuvole stratificate alle quote più basse regalano paesaggi sospesi e struggenti tramonti.

Per info: www.comune.petraliasoprana.pa.it.