La pizza è buona e fa anche bene. Che fosse uno dei piatti italiani più famosi e amati in tutto il mondo, è risaputo, ma che potesse anche essere anche un toccasana sembra essere una novità. A dirlo è il pizzaiolo napoletano Guglielmo Vuolo, che presenterà il 22 marzo la sua Margherita terapeutica

Con le sue circa 600 calorie – afferma – la pizza Margherita è un pasto completo, ma se condita con ingredienti selezionati e ben combinati tra loro, può addirittura concorrere al benessere fisico per le sue proprietà terapeutiche.

A giocare un ruolo fondamentale è la digeribilità dell'impasto: il maestro pizzaiolo napoletano ne ha elaborato uno speciale, che viene realizzato con sola acqua di mare purissima e 100% italiana, caratterizzata dalla valenza iposodica. Un'altra caratteristica della Margherita terapeutica è la lievitazione: essendo efficientemente lievitata, evita un'impropria presenza di quote di lievito, ancora biologicamente attive nell'impasto finale. L'impasto speciale, con ingredienti dell'Appennino meridionale verrà presentato in cinque tipologie di pizza, rispondenti a diverse patologie o esigenze del paziente (dal controllo del peso e della gravidanza).