1982. Una grande storia di affrancamento e riscatto prende vita nella provincia siciliana di fine millennio.

 

In una Sicilia silvestre, tra pascoli di una bellezza selvaggia, è ambientata la storia del giovane Pietro Nasca.

   A Roccadoro, nell’entroterra siciliano, la notizia del ritorno in paese di due malviventi che avevano scampato a una condanna certa per sequestro di minorenne, semina la disperazione fra gli onesti cittadini e la consapevolezza d’impotenza spegne qualsiasi tentativo di ribellione. Solamente la malavita locale, con a capo don Placido Diventi, riesce ad arginare la minaccia, per il momento, venendo a patti con i due scellerati fratelli su mediazione del genero, Carmelo.

   La famiglia Nasca rischia più delle altre. Solo il più giovane di loro non riesce ad assuefarsi ai metodi mafiosi e prevaricatori dei fratelli Militello. È l’unico a non credere che la pace possa durare in eterno e, incoraggiato ad agire da Franco Di Salvo, fa la prima mossa, scatenando una serie di avvenimenti che non riuscirà più a controllare.

   Pitrinu Nasca è stato costretto ad agire per difendersi e, per questo, non ha ripensamenti ma gli eventi prendono una piega inaspettata e lui è costretto a rivedere i propri piani. Pur continuando a perseguire il suo obiettivo, su consiglio di Cirino Laganà, Rosaria Diventi – che è innamorata di lui, figlia di don Placido – e della bella amante Irene Manna, Pitrinu decide di affiancare i tutori della legge perché i superstiti, responsabili della faida che per conseguenza si è innescata, siano assicurati alla giustizia.

   Avventura, sentimenti e lealtà dominano, ma i colpi di scena non mancano e, da ammirare, sarà la caparbietà del ragazzo, deciso a non mollare per non perdere tutto, compreso il futuro della sua famiglia, e aiutare chi è stata vittima come lui.

   Alla fine Pitrinu imparerà una grande lezione di vita, impartitagli da Franco Di Salvo, che lascerà un segno profondo in lui.

 

 

BIOGRAFIA DELL’AUTORE

 

Nato a San Teodoro, in provincia di Messina nel 1965, Pino Campo vive e lavora a Cesaro’ presso l’Ente Parco dei Nebrodi. Ha pubblicato nel 2010 Il giardino di casa, tramite Frammenti Edizioni, e Il tribuno pretoriano nel 2014. La collaborazione con la suddetta casa editrice è continuata con la valutazione di testi letterari e la redazione di articoli, dedicati alle tradizioni popolari religiose e locali, apparsi sulla rivista online www.NebrodiNetwork.it .

   Qualche mese fa ha pubblicato il suo terzo romanzo, dal titolo “All’ombra del fico” (il sequel de “Il giardino di casa”) e che presenterà ufficialmente, in collaborazione con il Comune di Cesaro’ proprio giorno 29, alle 17.00 presso il Centro Diurno.

   La sua attività letteraria intanto, continua: è impegnato a completare la stesura del quarto romanzo del quale non ha ancora deciso il titolo, ma concede delle anticipazioni. Si tratterebbe di un romanzo storico ambientato durante uno dei periodi più bui della storia siciliana, gli anni postunitari e del brigantaggio.

   Recapiti: pinocampo65@gmail.com

                  Tel. 389/1758948 – 095/696983 –

                  Indirizzo: Via G. Galilei, 19 – 98033 Cesaro’ (ME).

   Altre notizie si possono desumere dal sito personale dell’autore www.pinocampo.it.

 

Il libro lo troverete nelle librerie e edicole della Sicilia  tramite il codice ISBN e titolo: "All'ombra del fico" di Pino Campo, 9788899964085.

Il romanzo è acquistabile anche on line, sia in formato digitale che cartaceo: 

 

http://www.lemezzelane.altervista.org/negozio/index.php?id_product=11&controller=product