1085333_544255815641981_958470298_nEntro l'anno sarà operativo il primo numero nazionale da chiamare perchè vengano soccorsi i nostri amici a 4 zampe feriti o comunque vittime di incidenti.

Il numero è già attivo in 5 regioni italiane (Toscana, Liguria, Marche, Campania e Basilicata) e prima di dicembre dovrebbe esserlo anche in Sicilia.
Le prime città pilota saranno Palermo e Caltagirone.

Il servizio di emergenza veterinaria coordina tutte quelle associazioni locali che si occupano del soccorso e della cura degli animali incidentati. E' quindi più di un “118” per gli amici quadrupedi. Complimenti alla Fiav, la Federazione italiana delle ambulanze veterinarie, per aver messo in piedi una organizzazione così capillare ed efficace.

Il numero a cui rivolgersi sarà l'199.302.118.
Il costo della chiamata è lo stesso di una telefonata urbana. Non ci sono quindi maggiorazioni.
Lo si può raggiungere anche da telefoni mobili. Ed in questo caso il costo dipenderà dalla particolare tariffa stipulata con il proprio operatore telefonico.
 

«A bordo dei nostri mezzi ci sono soccorritori volontari e veterinari certificati con un attestato riconosciuto a livello europeo, proprio come accade sulle ambulanze non medicalizzate per le persone» – dice Claudio Simonini, presidente nazionale della Fiav.

A Caltagirone sarà l’associazione di protezione civile Croce Gialla ad aderire alla rete nazionale e prenderà in carico tutta la provincia catanese.

 

A Palermo, invece, il numero sarà attivo grazie all'azione indefessa di un gruppo di animalisti, che da tempo aiutano i randagi attraverso il passaparola dei social network.


ps. Oltre ai randagi, verranno soccorsi anche i cani più fortunati che hanno un padrone, ma in questo caso potrebbe essere previsto un costo per il servizio (mi sembra giusto).


Autore | Viola Dante, Immagine | theflorentine.net