Aveva promesso un posto di lavoro in un supermercato che avrebbe aperto i battenti a breve, ma in realtà il suo unico obiettivo era truffare due malcapitate. Sono scattate le manette per una donna, V.A.M., accusata del reato di truffa nell'Agrigentino. Previa consegna del curriculum delle due, avera richiesto e incassato la somma di 106 euro ciascuna, dovuta a titolo di disbrigo delle pratiche di assunzione.

Una volta percepito il denaro, però, si sarebbe resa sempre più irreperibile, fino a sparire del tutto. Le due donne, avendo capito di essere state raggirate, hanno teso una trappola alla tuffatrice: le hanno fatto la proposta di altri curriculum vitae di conoscenti, ottenendo così un appuntamento. Sono quindi scattati gli accertamenti del caso e si è così arrivati all'identificazione dell'indagata.