Il corpo di Valerio, un ragazzino di appena 15 anni, è stato fatto a pezzi da un treno in corsa. Il ragazzo era nudo e aveva le dita mozzate. Il dramma è avvenuto nella provincia di Roma. I resti sono stati trovati lungo i binari della ferrovia Napoli-Cassino, insieme al suo cellulare e a una scarpa da ginnastica bianca. "Abbiamo trovato pezzi del suo cellulare sui binari. Dobbiamo aspettare l’esame del Dna", ha scritto la mamma su Facebook.

Per ora gli investigatori non si sbilanciano, tutte le ipotesi sono al vaglio. "Valerio non si sarebbe mai tolto la vita, non c'era motivo e non mi avrebbe mai dato un dolore così grande. Deve essere stato un incidente oppure qualcuno lo ha spinto sotto il treno, altrimenti perché l'avrebbero ritrovato con le mani mozzate? Poi dicono che fosse nudo", ha raccontato il papà del ragazzo al "Messaggero".

Venerdì sera, dopo una discussione, Valerio si chiude in camera. "L'ho sentito uscire dalla stanza, ma pensavo che fosse solo sceso a mangiare perché non aveva cenato, poi il giorno dopo quando ci siamo accorti della scomparsa, i carabinieri ci hanno detto che alle 00.30 un uomo era stato investito dall'intercity. Non può essere che lui, io stesso ho trovato la scocca del suo telefono e per domani mattina", ha raccontato ancora il papà al quotidiano.