Vincenzo Liarda, sindacalista della Cgil, vittima di ventuno intimidazioni mafiose, a BlogSicilia, che ha ricevuto la notizia della revoca della scorta, è scosso: Mi sento come uno che ha preso un pugno in pancia e adesso è senza fiato.

[Continua la lettura dell’articolo]