Una mappa siciliana con 30 itinerari turistici in cui saranno abbinati i beni paesaggistici e storico-architettonici ai presidi Slow Food e alle comunità del cibo siciliani. E ancora 6 nuovi presidi siciliani, che accanto a quelli già esistenti, circa 50, fanno della Sicilia la regione con più presidi al mondo. Sono i progetti che l'assessore al Turismo, Sport e Spettacolo, Anthony Barbagallo, in collaborazione con Slow Food Sicilia, presenterà durante "Il Salone del Gusto 2016", in programma a Torino da oggi fino al 26 settembre.

La Sicilia sarà protagonista con uno spazio di 200 mq in piazza Castello, che prevede tre aree di utilizzo, una riservata al al ristorante, una all'accoglienza e una a dibattiti e convegni. "Siamo la regione con più presidi al mondo e i dati ci confermano un aumento significativo delle presenze legate al turismo enogastronomico. Il viaggio culinario proposto non sarà un consueta e banale proposizione di cibi da turisti, ma la conoscenza e la spiegazione di una Sicilia vera, fortemente legata alla sua tradizione culinaria e rispettosa della sostenibilità ambientale", spiega Barbagallo.

Slow Food Sicilia realizzerà alcuni Laboratori del Gusto nelle giornate di sabato e domenica a Palazzo Madama. Tre saranno i temi portanti, uno dedicato alla pesca artigianale costiera siciliana e ai suoi mestieri, uno ai grani antichi di Sicilia e un altro all'infinità varietà dei dolci tipici siciliani.