Da Modica a Palermo, la città del suo amato Pino Puglisi? La notizia non è ancora ufficiale e probabilmente non lo sarà prima di martedì, quando è previsto l’annuncio ufficiale del successore del cardinale Paolo Romeo, ma la comunità di Modica l'ha già accolta con il massimo della felicità. E non solo la comunità cattolica, perché don Corrado Lorefice è sì il parroco della Chiesa Madre di San Pietro, ma è prima di tutto un uomo buono, di quelli che è un piacere incontrare durante il cammino della vita. 

L'Espresso, una "autorità" del giornalismo italiano, titola così: "Un prete dei poveri a Palermo: Francesco batte la vecchia curia". Per don Corrando Lorefice è sicuramente lusinghiero. Quella del prete di Modica è una storia davvero esemplare e sembra quasi poter assurgere a simbolo del pontificato di Bergoglio. Secondo il settimanale, Lorefice avrebbe avuto l’appoggio "di fedelissimi come don Luigi Ciotti e monsignor Nunzio Galantino" e avrebbe "colpito Bergoglio per la sua attenzione verso gli ultimi". È proprio questa la Chiesa che piace a Papa Francesco.

I boatos si rincorrono, ma pare che don Corrado sia assolutamente abbottonato. E dopotutto è un processo fisiologico: notizie di questo tipo, infatti,  sono sotto stretto segreto pontificio. Può essere comunicata, pubblicamente, solo il giorno stabilito dalla Santa Sede, tramite la Nunziatura apostolica. A questo punto, non resta che attendere pochi giorni per scoprire la verità.


Fonte: L'Espresso