Un inseguimento rocambolesco, da Scillato fino a Riesci, terminato con l'arresto e la fuga di due giovani: F.B., 25 anni, e A.P. 22, a bordo di una Lancia Y, hanno tentato di scappare da un post di blocco, lanciandosi in una folle corsa alla velocità di oltre 170 chilometri orari

I due hanno decelerato appena hanno notato l'alt dei carabinieri, ma hanno poi ripreso la marcia, tentando di investirli: questi, scampato il pericolo, si sono subito messi all'inseguimento. 

Soltanto dopo 100 chilometri, sulla statale 626, le auto di carabinieri e polizia hanno tagliato la strada ai fuggitivi, bloccandone la fuga, sopo un tamponamento con una volante della Polstrada. 

I due hanno travolto tutto – dicono i carabinieri – ovvero guard-rail e una segnaletica stradale cercando di speronare perfino una pattuglia della polizia stradale che si era messa all'inseguimento.

I due giovani hanno tentato la fuga a piedi, ma sono stati raggiunti e ammanettati. Sono entrambi di Riesti e sono stati dichiarati in stato di arresto per "resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato". Il 25enne, inoltre, deve rispondere di "violazione degli obblighi della sorveglianza speciale".