I carabinieri hanno denunciato i gestori di un centro massaggi in via D’Amelio a Palermo, aperto di fronte al monumento della legalità, dove il giudice Paolo Borsellino e gli uomini della scorta morirono. La struttura era stata inaugurata da alcuni mesi, ma i residenti e commercianti si erano accorti subito che non era solo un centro massaggi.

[Continua la lettura dell’articolo]