Tragedia ad Agrigento. Un giovane di 28 anni, originario di Canicattì ma residente nella città dei templi, ha perso la vita a causa dell’esplosione di una bombola d’ossigeno. Secondo quanto riportato da BlogSicilia.it, la vittima si chiamava Massimo Aliseo, era sposato e padre di figli.

Stava maneggiando una bombola d’ossigeno, all’interno di un capannone della ditta Medical Gas, nella zona industriale di Agrigento, quando all’improvviso è esplosa.

Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco e i carabinieri della stazione di Aragona. La Scientifica dei carabinieri si sta occupando dei rilievi, per stabilire cosa potrebbe aver innescato la deflagrazione della bombola di ossigeno.