Marito e moglie si erano già lasciati, senza però passare dalle vie legali. Quando la donna ha scoperto che lui aveva un'altra, si è consumata la tragedia in Basilicata. Lei, 40 anni, ha ucciso lui investendolo con l'auto ed è stata arrestata dai carabinieri. L'accusa è di omicidio volontario premeditato. 

L'uomo era sul marciapiede. È stato raggiunto dalla donna e in breve tempo si è acceso un litigio perché lui era andato nella casa coniugale con un'altra. In pochi attimi il dramma: lei si è messa alla guida della macchina, è salita sul marciapiede e ha travolto il marito, finito contro un palo della pubblica illuminazione "frantumandosi il capo". 

A quel punto, con il marito già in fin di vita, la donna non si è fermata: ha accelerato trasportandolo per alcuni metri e facendolo poi cadere a terra. Sul manto stradale, a dimostrazione della volontà alla base del gesto della donna, non vi sono segni di frenata. Sul posto, oltre ai militari dell'Arma, sono intervenuti anche gli operatori sanitari del 118,