L’arrivo di Lafferty, la convinzione di aver scelto bene prendendo Rino Gattuso per la panchina, ma anche il capitolo mercato, in particolare per quel che riguarda le operazioni in uscita. Parla di tutto questo il presidente del Palermo, Maurizio Zamparini, in un’intervista rilasciata a Radio Radio e riportata da stadionews.it. “Stiamo tenendo lo stesso telaio dell’anno scorso, in piu’ innestando dei giocatori che possano essere validi per la Serie B. Giocatori di spessore che possano dare un valore aggiunto – ha spiegato Zamparini – abbiamo chiuso per Lafferty, un giocatore che puo’ fare reparto da solo tipo Toni. Non ha fatto molti gol in Svizzera, speriamo possa farli qua. Ci stiamo rinforzando in tutti i settori“. Il compito di riportare la squadra in Serie A e’ stato affidato a Rino Gattuso, anche se la sua nomina come tecnico della prima squadra non e’ stata ancora ufficializzata: “Ho grande ammirazione e fiducia in Gattuso, nel suo temperamento e nella sua voglia di fare – ha spiegato il numero 1 del Palermo – ha rinunciato a un milione dal Sion, ha tanta voglia di affermarsi e sappiamo quanto sia attento ai valori. Quando uno e’ sano puo’ fare solo bene. A seconda degli uomini che avra’ a disposizione giochera’ col 4-2-3-1, ma puo’ diventare un 4-4-2. Giochera’ con due mediani davanti alla difesa e in Serie B bisognera’ fare attenzione alle ripartenze, con davanti gente come Hernandez, Dybala e Lafferty, piu’ qualcun altro che arrivera’. Se parte Ilicic, come penso che sia, deve arrivare qualcuno con caratteristiche simili, un giocatore da ultimo passaggio“.  Per Zamparini i pilastri da cui ripartire per la prossima stagione sono “Sorrentino, di cui la Roma non mi ha chiesto nulla, Munoz, Garcia e Morganella, poi sicuramente arrivera’ qualcuno. Prenderemo un centrale perche’ von Bergen andra’ via, rientrano Andelkovic e Milanovic. Puo’ darsi che rientri Della Rocca, rinforzeremo il centrocampo con due pedine, poi arriveranno due esterni di qualita’ e di spinta. Stiamo lavorando a pieno“. Tornando su Ilicic, il presidente del Palermo spiega: “vedo un atteggiamento strano. Tutti pensano che lo daro’ via a carta straccia, se non mi danno il prezzo giusto restera’ qui. Penso che non andra’ alla Roma, ma sarei felice perche’ Sabatini lo conosce. Tranne il Bayer Leverkusen e una squadra dell’est, nessuno ha fatto un’offerta in Italia. Lo stesso discorso vale per Darmian e Glik (entrambi al Torino nell’ultima stagione, ndr). Se non mi danno quanto richiesto, io offro la stessa cifra e me li riprendo. A me fa comodo riportarli a casa“.

[Continua la lettura dell’articolo]