PALERMO – Gli agenti del Naf, nucleo antifrode della polizia municipale, hanno sequestrato cinquanta chili di prodotti alimentari congelati, ma venduti come freschi, in un panificio della zona di via Oreto. Non è stato reso noto il nome dell'esercizio commerciale: il titolare, S.R. di 24 anni, è stato denunciato all'autorità giudiziaria per frode in commercio e deve rispondere anche della cattiva conservazione dei cibi e della non idonea produzione del ghiaccio alimentare. Nel sopralluogo, gli agenti hanno riscontrato che il titolare esponeva nel banco di vendita pasticceria mignon, cornetti e treccine senza indicare la lista degli ingredienti. 

"Nessuna indicazione – hanno spiegato i vigili – anche per lo stato di congelamento dei vari prodotti. Inoltre, della crema di ricotta zuccherata congelata all'origine e utilizzata per la farcita di genovesi, lingue di suocera, cartocci, cornetti, sfince e cassate al forno, non esisteva alcuna comunicazione alla clientela, traendo in inganno gli ignari acquirenti sulla qualità degli alimenti". È stata anche riscontrata una conservazione dei cibi non idonea, all'interno di un congelatore dove l'attività di stoccaggio avveniva fuori controllo e gli alimenti erano custoditi in promiscuità tra di loro, a rischio di contaminazione e privi dell'indicazione relativa alla data di congelamento. All'interno di un altro frigo vi erano inoltre condimenti per primi piatti, salu,mi, speck, mortadella e bacon stantii, privi di confezione e senza le informazioni necessarie sulla provenienza del prodotto.